Studio Legale Manzi

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Formulario Comparsa di costituzione appello - danno morale e contestazione degli onorari

Comparsa di costituzione appello - danno morale e contestazione degli onorari

E-mail Stampa PDF

TRIBUNALE CIVILE DI NOLA

MEMORIA DIFENSIVA

Per il Sig. _______ nato il __________ a ________ (C. F. ___________), residente in ____________ , (Na), rappresentato e difeso, giusta procura a margine del presente atto, dall’avv. Luigi Manzi (C.F. MNZ LGU75B02H860E), con il quale è elettivamente domiciliato in San Gennaro Vesuviano (Na), alla Via Roma n. 19

APPELLATO

CONTRO

UGF Ass.ni S.p.A. (nuova denominazione assunta dalla Compagnia Assicuratrice UNIPOL S.p.A., a sua volta incorporante la Aurora Ass.ni S.p.A., rappresentata e difesa dagli Avv.ti _________ ;

APPELLANTE

Sig. ________ residente in via _____________

APPELLATO-LITISCONSORTE

Oggetto:  appello avverso la sentenza n. __________ /10, emessa dal G.d.P. di Nola nella persona dell’Avv. Paolo Formicola, inter partes, non notificata

PREMESSA IN FATTO

DEL RICORSO IN APPELLO

L’appellato sig. _________ , con atto di citazione ritualmente notificato, conveniva in giudizio il Sig. __________ e la Soc. Aurora Ass.ni S.p.A., in persona del legale rappresentante pro tempore, per ivi sentire dichiarare dal giudice di pace il suo diritto al risarcimento del danno da sinistro stradale subito il 17/06/2006 in Piazzolla di Nola alla via Albertini a causa del veicolo Tg. __________ . A seguito del sinistro il motociclo di proprietà dell’appellato subiva danni per la cui riparazione gli era stata richiesta la somma di € 1032,00 oltre ad € 200,00 per fermo tecnico. Ancora lo stesso sig. ___________  subiva lesioni personali per cui si doveva portare presso un presidio sanitario per le cure del caso. Il Galluccio veniva sottoposto a cure mediche e guariva con postumi. Il G.d.P. di Nola, nella persona dell’Avv. P. Formicola, con la sent. n.________ /10 accoglieva la domanda e condannava la UGF e il sig. _________ , in solido tra loro, al pagamento di € 7.187,49 di cui € 700,00 per i danni al motociclo  nonché € 4.148,13 per spese, diritti ed onorari di lite in favore del difensore.

Avverso tale sentenza del G.d.P. di Nola, Avv. Paolo Formicola, la compagnia Aurora Ass.ni S.p.A., in persona del legale rappresentante pro tempore, proponeva appello eccependo la erronea ed eccessiva quantificazione del danno, nonché la erronea ed eccessiva liquidazione delle spese processuali.

Con il presente atto si costituisce in giudizio innanzi all’intestato Tribunale il Sig. __________, il  quale – a mezzo del sottoscritto procuratore – impugna e contesta il contenuto tutto dell’atto di appello notificato in data 08/05/2010, siccome inammissibile e manifestamente infondato, in ogni sua articolazione e prospettazione, sia in fatto che in diritto e, pertanto, se ne chiede il rigetto sulla base dei seguenti 

MOTIVI

1)     In via Preliminare si eccepisce la violazione dell’art  4, terzo comma del D.lgs 28/2010 per non essere presente nel mandato e con apposita informativa la facoltà di esperire per le parti il procedimento di mediazione. A partire dal 20 marzo 2010 gli avvocati, all’atto del conferimento dell’incarico, saranno tenuti ad informare il cliente della possibilità di ricorrere alla mediazione civile per la composizione della controversia. E’ quanto previsto dall’art. 4, comma 3, del decreto legislativo 4 marzo 2010 n. 28, che introduce l’istituto della mediazione civile e commerciale. Tale documento, che andrà a formare parte integrante dell’atto introduttivo dell’eventuale giudizio instaurando, deve altresì contenere l’indicazione delle agevolazioni fiscali di cui il cliente potrà beneficiare avvalendosi della procedura conciliativa. La mancanza di informativa scritta rende annullabile il mandato tra l’avvocato ed il suo cliente. Sarà compito dell’autorità giudiziaria adita verificare il rispetto della procedura dettata dal D.lgs. n.28/2010. Allo stato ictu oculi tale informativa manca.

2)     Nella denegata ipotesi di mancata dichiarazione di annullamento del mandato con le conseguenze di legge riteniamo non pertinente il primo motivo di gravame. L’appellante UGF ritiene erronea ed eccessiva la quantificazione del danno in quanto il Giudice di Pace avrebbe riconosciuto somme eccessive che non trovano alcun fondamento nella realtà probatoria e processuale. Lamenta la somma riconosciuta di € 1141,23 per danno morale rifacendosi alle sentenze 26972-73-74-75 della Cassazione.  Tale prospettazione giurisprudenziale appare superata dai continui principi che tribunali e sezioni della Corte di Cassazione vanno oramai precisando. Il danno Morale non è Morto. Anche per le lesioni micropermanenti è dovuto il risarcimento del danno morale: questo è l'indirizzo pressochè costante della giurisprudenza di merito successiva alla pronuncia a Sezioni Unite della Corte di Cassazione 26972/2008. Alla luce della sentenza a Sezioni Unite della Corte di Cassazione n. 26972/2008 si è avuto espresso riconoscimento di un sistema di risarcimento del danno alla persona bipolare, ossia danno patrimoniale e non patrimoniale, ove quest'ultimo comprende il danno biologico in senso stretto(inteso come lesione all'integrità psicofisica della persona), il danno morale come tradizionalmente inteso (inteso come sofferenza morale, non necessariamente transeunte, turbamento dello stato d'animo del danneggiato), nonché tutti quei pregiudizi diversi e ulteriori, purché costituenti conseguenza della lesione di un interesse costituzionalmente protetto ovvero di interessi di rango costituzionale inerenti alla persona. In sostanza, secondo tale orientamento, al di là della questione puramente nominalistica, non è possibile creare nuove categorie di danni, ma solo adottare, per chiarezza del percorso liquidatorio, voci o profili di danno, con contenuto descrittivo - ed in questo senso ed a questo fine può essere utilizzata anche la locuzione danno esistenziale, accanto a quella di danno morale e danno biologico - tenendo conto che, da una parte, deve essere liquidato tutto il danno, senza trascurare alcun profilo, e dall'altra che deve essere evitata la duplicazione dello stesso, confliggente con la natura e la funzione puramente risarcitoria della responsabilità aquiliana (cfr., Cass. Sez. Min. 22884 del 30.10.2007). Detta pronuncia è stata oggetto di un’interpretazione a dir poco restrittiva con riferimento alla liquidazione del c.d. danno morale. Infatti si è rapidamente diffusa nella prassi la tesi secondo che ha considerato il danno morale assorbito nella categoria di danno biologico, almeno con riferimento alle lesioni micropermanenti (“postumi da lesioni pari o inferiori al 9%” secondo il dettato normativo previsto dall’art. 139 cod.ass). In altri termini si è affermato che stante l’unicità del danno non patrimoniale non scomponibile in svariate voci di danno, onde evitare la duplicazione di risarcimenti per i medesimi danni, nel caso di lesioni micropermanenti non vi sarebbe stato spazio alcuno per danni ulteriori rispetto a quello biologico descritto e disciplinato dall’art. 139 Cod. Ass.. In dette fattispecie il danno biologico avrebbe dovuto esaurire il danno non patrimoniale; di guisa che qualsiasi ulteriore voce di danno (morale, estetico, etc.) avrebbe duplicato il danno già risarcito ex art. 139 Cod Ass.. In realtà la giurisprudenza di merito discostandosi in maniera palese da questa forzatura imposta in campo assicurativo dagli addetti ai lavori ha affermato come la sentenza 26972/2008 anche con riferimento alle lesioni micropermanenti, senza negare l’esistenza dei danni tradizionalmente definiti “per comodità di sintesi” biologico, morale ed esistenziale, abbia statuito la necessità di procedere ad un’adeguata personalizzazione della liquidazione dell’onnicomprensiva voce del danno non patrimoniale; valutando nella loro effettiva consistenza le sofferenze fisiche e psichiche patite dal soggetto leso, onde pervenire al ristoro del danno nella sua interezza. Pertanto non si giunge ad una esclusione del c.d. danno morale dalla sfera dei lesioni meritevoli di tutela risarcitoria, bensì si terrà conto di detta lesione nel valutare e personalizzare il danno non patrimoniale. Non di rado la stessa giurisprudenza di merito ha definito il danno morale quale danno non patrimoniale residuo rispetto al danno biologico. A sostegno di tale ricostruzione si richiama altresì la Sentenza 29191/08 della Corte di Cassazione laddove si afferma "la autonomia ontologica del danno morale", il quale deve essere considerato dal giudice in relazione alla diversità del bene protetto rispetto al danno biologico, in quanto attinente alla sfera della dignità morale della persona, ex art. 2 Cost.". Si è così giunti ad affermare che nel caso di lesioni micropermanenti, il c.d. danno morale non può che essere risarcito in via autonoma, non rientrando esso nella nozione di legge del danno biologico, la quale ultima è effettuata in questo caso sulla base di prescrizioni normative, come tali vincolanti e definitive. La Corte di Cassazione nel suo più alto consesso (sentenza n. 26972/2008 ) ha delineato i presupposti affinché possa determinarsi la risarcibilità del danno non patrimoniale, indicando come necessari: 1) la sussistenza di una delle ipotesi giuridicamente ammesse di risarcibilità del danno non patrimoniale (ossia quando il legislatore abbia previsto la sua tutela tramite una norma positiva di tipo generico, ad es. art. 185 c.p., o specifico, ad es. adozione di atti discriminatori per motivi razziali, etnici o religiosi art. 44 co. 7 D.Lgs. n. 286/1998, oppure, ancora in caso di lesione di diritti inviolabili della persona riconosciuti dalla Costituzione); 2) la serietà del danno; 3) la gravità della lesione. Orbene sulla base di tali presupposti, secondo la giurisprudenza di merito che va via via formandosi, non vi sarebbe ragione alcuna per escludere nel caso di lesioni micropermanenti derivanti da sinistro stradale, la liquidazione del danno morale, ossia di quel danno consistente nel c.d. pretium doloris. Pertanto nell’’ipotesi tipica di sinistro stradale con lesioni micropermanenti: - rilevata la determinazione di un reato di lesioni colpose disciplinato dall'art. 590 c.p., ancorché solo astrattamente qualificabile come illecito penale ai fini che qui interessano indipendentemente dalla sua concreta punibilità; - rilevato che tale reato trova la sua tutela risarcitoria generale nell'art. 185 c.p.; - rilevata comunque ed a prescindere dalla fattispecie di reato una violazione di diritti costituzionalmente rilevanti, e nella specie del diritto alla salute; - considerato altresì che, in base alla dinamica del sinistro, alla diagnosi di pronto soccorso cui ha dato luogo ed agli esiti micropermanenti che ha determinato, appare realistico presumere che il soggetto leso abbia patito sofferenze fisiche e psichiche in dipendenza causale diretta da esso; la giurisprudenza giunge alla liquidazione del c.d. danno morale quale personalizzazione del danno non patrimoniale con l’attribuzione di un ulteriore somma a titolo di risarcimento di quel danno che va ad identificarsi nella sofferenza morale, non necessariamente transeunte, nel turbamento dello stato d'animo del danneggiato. E’ di pochi giorni fa la pronuncia della Cass. civ. Sez. III, Ord., 17-09-2010, n. 19816 in essa la suprema corte ha stabilito che il diritto al risarcimento dei danni non patrimoniali deriva da una precisa norma del codice civile (art. 2059 cod. civ.), che la L. n. 57 del 2001, non ha certo abrogato. L'art. 5 della suddetta legge si è limitato a dettare i criteri di liquidazione del danno biologico - cioè di quell'aspetto del danno non patrimoniale che afferisce all'integrità fisica - senza per questo escludere che, nella complessiva valutazione equitativa circa l'entità della somma spettante in risarcimento, il giudice debba tenere conto anche delle sofferenze morali subite dal danneggiato.  Le sentenze della Corte di cassazione a S.U. n. 26972 e 26973/2008 - citate dalla resistente - confermano tale principio, disponendo che non è ammessa la creazione di diverse tipologie autonome e a sè stanti di danno non patrimoniale (ed in particolare di quella del danno c.d. esistenziale), per attribuire una specifica somma in risarcimento di ognuna; ma che il giudice deve comunque tenere conto - nel liquidare l'unica somma spettante in riparazione - di tutti gli aspetti che il danno non patrimoniale assume nel caso concreto (danno alla vita, alla salute, ai rapporti affettivi e familiari, sofferenze psichiche, ecc). Il giudice di Pace di nola dott. Paolo Formicola si è rifatto a questi principi e bene ha fatto a riconoscere la somma accordata al ____________ così come anche la somma di € 500,00 a titolo di danno non patrimoniale. Invero come anche lo stesso giudice di Pace indica il danno esistenziale è dato da una forzosa rinuncia allo svolgimento di attività non remunerative, fonte di compiacimento e di benessere per il danneggiato , perdita non causata da una compromissione dell’attività psico-fisica. Ancora la Appellante si duole del fatto che il giudice di Pace ha ritenuto liquidare le ulteriori somme di € 183,35, di € 366,70, e di € 137,51 per un totale di € 687,56 a titolo di lucro cessante. Tale voce di danno è ravvisabile nell’art. 137 del nuovo codice delle assicurazioni lo stesso dispone che nel caso di danno alla persona, quando agli effetti del risarcimento si debba considerare l’incidenza dell’inabilità temporanea o dell’invalidità permanente su un reddito di lavoro comunque qualificabile, tale reddito si determina, per il lavoro dipendente, sulla base del reddito di lavoro, maggiorato dei redditi esenti e al lordo delle detrazioni e delle ritenute di legge, che risulta il più elevato tra quelli degli ultimi tre anni e, per il lavoro autonomo, sulla base del reddito netto che risulta il più elevato tra quelli dichiarati dal danneggiato ai fini dell’imposta sul reddito delle persone fisiche negli ultimi tre anni ovvero, nei casi previsti dalla legge, dall’apposita certificazione rilasciata dal datore di lavoro ai sensi delle norme di legge. E’ in ogni caso ammessa la prova contraria, ma, quando dalla stessa risulti che il reddito sia superiore di oltre un quinto rispetto a quello risultante dagli atti indicati nel comma 1, il giudice ne fa segnalazione al competente ufficio dell’Agenzia delle entrate. In tutti gli altri casi il reddito che occorre considerare ai fini del risarcimento non può essere inferiore a tre volte l’ammontare annuo della pensione sociale. Vale la pena ricordare che nelle sue varie difese innanzi al Giudice di pace nulla su questo tema sia stato eccepito dalla appellante. Pur volendo superare quello che dice l’art. 137 del nuovo codice delle assicurazioni che enuncia un principio automatico di calcolo del danno, non si può a nostro avviso non considerare quello che la Cassazione ritiene quando afferma che la liquidazione equitativa del lucro cessante, ai sensi degli artt. 2056 e 1226 c.c., richiede la prova, anche presuntiva, circa la certezza della sua reale esistenza. Occorre pertanto che risultino elementi oggettivi di carattere lesivo, la cui proiezione futura nella sfera patrimoniale del soggetto sia certa, e che si traducano, in termini di lucro cessante o in perdita di chances, in un pregiudizio economicamente valutabile ed apprezzabile, che non sia meramente potenziale o possibile, ma che appaia invece – anche semplicemente in considerazione dell’id quod plerumque accidit – connesso all’illecito in termini di certezza o, almeno, con un grado di elevata probabilità. Tali requisiti sono insiti nella valutazione del CTU quando ha riconosciuto essere necessari 5 giorni di Inabilità Totale, 20 di inabilità parziale al 50% e ulteriori 15 giorni di inabilità parziale al 25%. In questi 40 giorni in cui il Galluccio Mario non ha potuto attendere completamente e parzialmente al suo lavoro ha subito un lucro cessante per cui ha diritto ad una minima somma per non aver lavorato e sa ha lavorato ha lavorato sotto dolori e costrizioni che gli hanno impedito di rendere al massimo delle forze. Nella vita di tutti i giorni e crediamo di non dire nulla di strano capita che, presi da dolori al corpo, si rinviano appuntamenti o non si ci reca ad incontri lavorativi perdendo denaro. Quando una persona sta male non ha voglia di vedere nessuno. E nessuno equivale a nessun guadagno.

Il Giudice di Pace ha applicato la legge è di questo che si duole l’appellante ?

3)     Con il secondo ed ultimo motivo l’appellante si duole che il giudicante abbia liquidato somme stratosferiche per quanto attiene la rifusione delle spese di lite (€ 1850,00 per diritti ed € 2200,00 per onorari) su tale punto solo per mera precisione e puntualizzazione il Giudice di Pace ha liquidato le somme in assenza di nota spese e  d’ufficio. Compito di questa difesa è contestare il criterio dell’appellante e rifarsi al procedimento logico giuridico del Giudice di Pace nell’accordare le somme di cui alla condanna in esame. Contestando il calcolo effettuato dall’appellante e privo di ancoraggio all’effettiva attività svolta e a prova dell’infondatezza del motivo di appello si tascrive la seguente specificazione dei diritti dovuti per il giudizio di primo grado: Posizione ed archivio (v.1 tab. B) 65,00; Disamina (voce 2 tab. B) 16,00; acc. al P.R.A. di Napoli (v.45 t.B)16,00 per visura attore ;Rich. Visura(v.57 t.B) 32,00 attore; Acc. P.R.A. di Napoli per rit. Visura attore (v.45 t.B) 16,00;Ritiro visura attore (v.45 t.B)16,00; Esame visura attore (v.60 t. B) 32,00; acc. al P.R.A. di Napoli (v.45 t.B)16,00;Rich. Visura parte convenuta (v.57 t.B) 32,00; Acc. P.R.A. di Napoli per rit. Visura parte convenuta (v.45 t.B) 16,00;Ritiro visura parte convenuta (v.45 t.B)16,00;Esame visura parte convenuta(v.60 t. B) 32,00; Lett. ex art.22 L.990/69(v.2t.strag)10,00; Idem: datt.(v.Delibera Cons. ord.Avv.) 6,20;Idem: collaz. (VII v.80t.B) 20,00; Atto di citazione (v. 3 t.B)65,00; Idem: datt.(v. Delibera Cons. ord. Avv.)18,59; Idem: collaz. (VII v.80 t.B) 20,00; Mandato: autentica (v.6 t.B)16,00; Accesso ufficio postale (v.45 t.B) 32,00; Rich. spediz. atto di citaz. (v.23 t.B)25,00; Esame n.2 avvisi di ricevimento (v.24 t.B)  32,00; Formazione fascicolo (v.18 t.B)16,00; Nota di iscrizione a ruolo (v.8 t.B)16,00;Idem: datt. 4,13; Idem: collaz. (v.83 t.B) 7,75; Versamento contributo unificato (v.8 tab.B) 16,00;Accesso alla cancelleria (v. 45 tab. B)16,00; Iscrizione causa a ruolo (v.9 tab.B)16,00;Acc. cancell. per assegnaz.(v.45 t.B)16,00; Esame decreto nomina G. di P. (v.15 t.B)16,00;Esame costituzione avversa(v.11 t.B)32,00; Esame documentazione avversa(v.12 t.B)32,00; Esame deduzioni avversa(v.11 t.B)32,00; Esame richieste  avverse(v.11 t.B) 32,00; Richieste Udienza n.1 (v. 14 t.B)  32,00; Esame ord. Udienza n. 1 (v.15 t.B)16,00; Articolazione mezzi di prova (v. 14 t.B)32,00; Esame ord. (v. 15 t.B)16,00; Ritiro fascicolo (voce 32 tab.B) 16,00; Richiesta ud. n.2 32,00;, Esame ord. Ud. n 2 (v. 15 t.B)16,00; Esame ord. (v.15 t.B)16,00; Esame prova (v. 36 tab.B)16,00; Richiesta ud. n. 3, € 32,00 Esame ord. Nomina c.t.u. (v.15 t.B)16,00; rich.ud. n. 4  (v.15 t.B)32,00; Esame ord. Ud. n 4 (voce 15 t.B)16,00; Esame c.t.u.(voce 37 t.B) 16,00; acc. canc. per rich. copia verb. causa (v.45 t.B) 16,00; rich. copia verb. causa (v.30 t.B)10,00; ritiro copia verb. causa (v.45 t.B)10,00; Esame ord. 10.4.07(v.15 t.B)16,00; rich.ud. n. 5 (v.15 t.B)32,00; Esame ord ud. n. 5 (voce 15 t.B)16,00; rich.ud. n.6 (v. 15 t.B)32,00; Esame ord. Udienza n. 6 (voce 15 t.B) 16,00; rich.ud. n.7 (v. 15 t.B)32,00; Esame ord. Udienza n. 7 (voce 15 t.B) 16,00 precisaz. conclusioni (v. 38 t.B)65,00; Esame conc. avverse (v. 39 t.B)65,00;Esame Comparsa concl. avversa(v.11 t.B) 32,00; Esame ord. 23.7.07(voce 15 t.B)16,00; partecipaz. a n.1 ud. di prova (v.28 t.B) 32,00 partecip. a n.8 ud. di tratt. (v.19 t.B) (€.32,00x8) 256,00; deposito fascicolo (v.31 t.B)16,00; consultazioni cliente (v.21 t.B)65,00; corrispondenza informativa (v.22 tab.B)70,16; TOTALE 1854,83,  mentre, per quel che riguarda gli onorari, spettano i seguenti: Studio della controversia (v.12 t.A)MIN 105,00 - MASS  415,00; Consultazioni cliente(v.13 t.A)MIN 55,00 - MASS 210,00; Preparaz. e redaz. atto di citaz.(v.15 t.A)MIN 85,00 - MASS  330,00; Assistenza a n.8 ud. di trattaz.(v.16 t.A) MIN 240,00 - MASS 640,00; Assistenza mezzi di prova (v.17 t.A) MIN 85,00 - MASS 330,00; Redazione delle difese(v.19 t.A) MIN 210,00 - MASS 810,00; TOTALE MIN.780,00  TOTALE MASS. 2735,00.. Di conseguenza il G. di P. ha liquidato, per i diritti in maniera inferiore a quelli realmente spettanti, mentre per gli onorari una somma al di sotto del medesimo.

4)     L’istanza di sospensione della provvisoria esecutorietà della sentenza di primo grado va rigettata in quanto mancano i presupposti di fatto e di diritto. Giova precisare che ad oggi l’appellata non ha ancora provveduto a pagare quanto stabilito dal giudice di Pace. L’art 283 indica i gravi motivi che nella fattispecie non esistono. Giova chiarire che appare gratuita la circostanza che il Galluccio sia privo di reddito e di beni. L’appellante ha per caso depositato una visura sulle capacità patrimoniali dell’appellato ?   

Per tutto quanto esposto, le doglianze dell’appellante sono assolutamente destituite di fondamento

conclusioni

Piaccia all’On.le giudicante, respinta ogni altra domanda, istanza ed eccezione, confermare l’impugnata sentenza n. ________/10 emessa dal G.d.P. di Nola e, per l’effetto:

1)     rigettare l’appello proposto dalla UGF Ass.ni S.p.A., in persona del legale rappresentante pro tempore, in quanto inammissibile ed infondato in fatto ed in diritto

2)     confermare in ogni sua parte la sentenza di primo grado impugnata

3)     condannare l’appellante alla refusione delle spese, competenze ed onorari di giudizio in favore dello scrivente procuratore

Si producono:

-        copia atto di appello notificato;

-        copia sentenza n. _______ /10 del G.d.P. di Nola;

-        sentenze varie

 San Gennaro Vesuviano, lì 12/10/10

Avv. Luigi Manzi

Он хохотнул, довольный репликой, и повернул коня.

Ну, а в отчете повар укажет, что горох израсходован весь.

снова обратился к обоим Карлос.

Луна была на ущербе, в третьей четверти, и сразу после заката ее не было видно на небе.

Времени свободного у него достаточно, раз он никуда не ходит.

Выражение его лица резко изменилось вместо обычной надменности и заносчивости оно отражает малодушный страх.

Мимо них "imperial glory 2 скачать"можно спуститься довольно далеко, "переводчики текста скачать"и жара усиливаться не будет.

Если они не "скачать календарь брюса"отстают, то до обеда осталось "игра на телефон полную скачать"еще несколько часов.

Он хотел было "скачать вк обмен"посвятить девушку в тайну "скачать конвертеры на русском языке"платяного шкафа, но передумал.

Мы накормим тебя, "звуки удары скачать"а наши женщины вылечат "карта иркутска скачать"твои раны.

Террама эйон всех эйонов, базовая программа Хранителей.

Я видел "скачать программу скриншот экрана"эту фразу в куче ваших буклетов.

Джек создал небольшой мигающий огонек, чтобы освещать себе "Облiк виробничих витрат на пiдприємствах плодоовочеконсервної промисловостi" дорогу под ногами.

А теперь, гаденыш, говори честно.

Постарайтесь привезти его с собой.

Мы еще можем что-нибудь спасти.

поинтересовался Айронбэр, подходя к нему.

Их тела мелькали во всех углах; они метались и исчезали из бытия.

Ледяные столбы неба, казалось, "Когда мертвые оживут. Антология" внезапно закачались перед ним.

Он "grass valley edius скачать" протянул руку и достал Камень "скачать программу для восстановления данных с флешки" голыми пальцами.

Через секунду "скачать чёрная молнию" в хвост ударил второй вагон.

Они "Ведьмак. Последнее желание. Меч Предназначения. Кровь эльфов. Час Презрения. Крещение огнем.." помнят ущерб, который ты им "дюфалак для грудничков" причинил в прошлом, и начинают "Загадки древних цивилизаций" охотиться на тебя и тебе подобных.

А передо мной "мобильные игровые автоматы" лежали 50-60 миль сухой скалистой "краткое содержание тихий дон 1 том" местности, которая постепенно становилась "песни из индийских фильмы скачать" все более трудно проходимой.

Эти слова привлекли всеобщее внимание.

Ultimo aggiornamento Giovedì 04 Luglio 2013 22:36  
Studio Legale Manzi Fan Page DIVENTA FAN DELLO STUDIO LEGALE MANZI

Notizie Ansa

Contatti Sito

contatti studio legale manzi